I Portico Quartet, la città e la primavera

Era un tardo pomeriggio di maggio di due anni fa quando li ho sentiti per la prima volta suonare davanti al National Theatre. Come tutti i finesettimana, la riva a sud del Tamigi era un concerto di colori, voci e suoni.

La South Bank è il palcoscenico dei folli. Qui l’arte di strada si chiama a raccolta tutti i finesettimana e venditori di risate, illusionismi, acrobazie e strimpelli vengono ad esibire la propria mercanzia.

L’incontro con i Portico Quartet è stato uno dei miei primi incontri con questa città. Quattro ragazzi del sud di Londra (poco più che ventenni), hanno messo insieme una band e, per due anni consecutivi, si sono dati appuntamento per strada, fuori dal complesso di edifici che ospita il teatro nazionale e le sale concerto più frequentate della città.

Sassofono, contrabbasso, percussioni, tamburo ed hang e via alla scoperta di nuove frontiere del ‘post-jazz’. A dare alla loro musica un suono davvero caratteristico è l’hang, uno strumento a percussioni nato in Svizzera alla fine degli anni ’90, e che sembra un misto di molti altri strumenti, come Gong, Steel Drum, Udu e campane. Il risultato è stupefacente.

Impossibile non notare quei quattro ragazzi. E a notarli, infatti, sono stati in tanti. Il loro primo album Knee-deep in the North Sea è stato nominato miglior album jazz del 2007 dalla rivista Time Out. Da questo momento in poi il successo è una valanga. Recensioni e interviste per BBC Music Magazine, Radio 4, The Guardian, The Times, la nomination come miglior album 2008 al Mercury Music Prize e infine la coronazione ufficiale al London Jazz Festival.

Perché vivere in una città-laboratorio significa anche questo. Abbandonarsi alla sperimentazione vorticosa delle possibilità. A volte riescono, tante altre no. Ma vale comunque la pena aspettare la prossima primavera.

This entry was published on May 14, 2009 at 11:41 pm. It’s filed under Arts, Italian, LondonEye, Loose thoughts, Video and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: